Blog

restyling-tattoo

Come si effettua il restyling di un tatuaggio

  Consigli  |    02 settembre 2015

Non è raro nel nostro settore venire in contatto con persone che desiderano rinnovare un tatuaggio, magari fatto da un tatuatore inesperto o semplicemente per aggiungere particolari che lo rendano più attuale.

Se anche tu hai questa esigenza, il restyling è la soluzione che fa per te, una tecnica che consente di trasformare il vecchio tatuaggio, migliorandolo e modificandolo.

Come funziona il restyling

Il restyling alla fine è un tatuaggio come gli altri, l’unica differenza è che viene realizzato in base al soggetto da modificare.

Bisogna innanzitutto chiarire che il restyling non prevede la cancellazione del tatuaggio, ma la sua modifica, quando invece si vuole proprio sostituire il tatuaggio in quel caso si parla di cover up.

Puoi aver bisogno di un restyling per dare nuova vivacità ai colori, per aggiungere un particolare ad un tatuaggio importante nella tua vita, per migliorare un lavoro non proprio perfetto.

tattoo-restyling

In tutti questi casi l’idea di base del tatuaggio rimane invariata, l’intervento del tatuatore sarà indirizzato a migliorarlo e aggiornarlo.

Per seguire un perfetto restyling il tatuatore deve essere esperto, questo perché spesso si sta andando a lavorare sul lavoro di qualcun’altro, senza conoscere il motivo di determinate scelte.

Alcuni esempi di restyling

Come già accennato in precedenza gli interventi di restyling possono essere diversi, tra i principali vi sono:

  • aggiunta di una gamma cromatica più ampia
  • inserimento di sfumature per dare volume al soggetto
  • inserimento di elementi nuovi che rappresentino un continuo con il precedente tatuaggio

Paesaggi, fiori, animali, ogni dettaglio inserito si deve adattare perfettamente al contesto.

Rispetto alle cover up, il restyling è un intervento meno drastico, ma di sicuro effetto.